Si apre la nuova edizione di Operae

Oggi vi parliamo di Operae, una mostra-mercato dedicata al design autoprodotto che si svolge ogni anno a Torino. All’appuntamento partecipano studi di design, designer artigiani, makers, designer digitali e dal 2012 anche graphic designer: personalità eterogenee attraverso le quali conoscere e apprezzare la vivacità di questa dimensione del design in cui alta tecnologia, tradizione e progetto trovano nuova sintesi. L’esposizione è accompagnata anche da un vasto calendario di appuntamenti con i quali approfondire le dinamiche dell’autoproduzione, i temi che la intersecano e riflettere sulle direzioni future di questa pratica.

A Operae è possibile esporre e acquistare pezzi realizzati in piccole serie ed edizioni limitate, frutto della creatività e del lavoro di professionisti del design che gestiscono direttamente l’intera filiera produttiva (dalla definizione dell’idea alla realizzazione, fino alla comunicazione e distribuzione). Parallelamente è possibile conoscere il design autoprodotto espresso da altri Paesi europei e quello studiato e realizzato all’interno delle Scuole di Design. Convegni e workshop consentono di condividere esperienze e partecipare attivamente.

La mostra, che si apre oggi ed è ospitata a la Cavallerizza Reale un complesso di edifici del Settecento e Ottocendo in via Verdi 9, proporrà ai visitatori una selezione di prodotti realizzati in piccole serie ed edizioni limitate di arredamento, complemento d’arredo, lighting, accessori, editoria e grafica.

La particolare sperimentazione di materiali avanzati e di processi inediti, le rivisitazioni di tecniche tradizionali e la ricerca formale conferiscono un valore innovativo e rappresentano un nuovo approccio del design nei confronti della sostenibilità e della manualità artigiana.

Per avere maggiori informazioni sul programma della manifestazione e programmare una gita a Torino, ecco il link dedicato.

Buona Operae a tutti e buon fine settimana!

 

Articolo di: Elisa Raffanti

scritto il: 09.11.2012 - 13:23.

Commenti